Utile della Fiera in crescita rispetto allo scorso anno

La gratuità del biglietto non ha pesato sui conti della Fiera Campionaria. Anzi, li ha migliorati. Il rendiconto dell’edizione 2014 chiude con un utile di circa 68mila euro, di 13mila euro superiore a quello dello scorso anno che fu di 55mila euro. È il dato che spicca maggiormente nel consuntivo della Campionaria 2014, consegnato questa mattina al sindaco Andrea Cereser dal presidente della San Donà Servizi Giuseppe Moretto. «Sono molto contento per gli espositori, che hanno avuto la possibilità di ottenere molti più contatti – è la soddisfazione espressa dal sindaco Andrea Cereser – e per i cittadini, che hanno avuto la possibilità di visitare la nostra Fiera senza alcuna spesa».

A tirare la volata dei conti l’incremento dei ricavi dalla vendita degli spazi espositivi, schizzato dai circa 195mila euro del 2013 ai 215.533 di quest’anno, grazie all’incremento degli espositori. L’introito complessivo è stato di oltre 245mila euro, comprendenti oltre alla vendita degli spazi anche sponsorizzazioni e voci minori. Sensibile soprattutto la riduzione dei costi di oltre 55mila euro, a poco più di 177mila euro, contro i 233mila dello scorso anno. «I risparmi sono stati dovuti sia alla scelta di evitare un’inaugurazione il venerdì sera, privilegiando un saluto più informale il sabato mattina, sia alla mancanza di spese dovute alla stessa bigliettazione – spiega il sindaco – L’anno scorso quasi 20mila sono stati spesi, ad esempio, tra gestione delle casse e spese di Siae, una cifra sensibile su appena 67mila euro incassati dai biglietti, che suggeriva l’introduzione della gratuità». La spesa finale è stata inferiore di 28mila euro anche rispetto allo stesso preventivo di bilancio, grazie soprattutto da razionalizzazioni in corso d’opera nelle spese di rappresentanza e per noleggio attrezzature.

In attivo anche la Fiera del Fumetto, che ha seguito di una settimana la Campionaria, sia pur su una scala decisamente diversa: 105 gli espositori, con ricavi complessivi di circa 19mila euro, per metà determinati dalla vendita degli spazi, a fronte di spese per circa 10.500 euro. Un utile definitivo, quindi, di circa 8.500 euro mentre i visitatori, anch’essi non paganti, sono stati 18mila. Per quanto riguarda la Campionaria, invece, record assoluto con oltre 57mila ingressi totali, misurati da contapersone, contro i 20mila dello scorso anno. Giornata più affollata domenica 5 ottobre, con oltre 25mila visitatori, oltre il triplo rispetto allo scorso anno. Picchi nell’orario serale del sabato, quando tra le 20 e le 21 sono entrati il 16 per cento dei 12.500 visitatori della giornata, e nel pomeriggio della domenica, tra le 14 e le 19, con oltre la metà degli ingressi. «I capannoni della Fiera non possono ospitare più di 5.200 visitatori contemporaneamente, e questo limite ha impedito di raggiungere numeri ancora maggiori – conclude il sindaco – se vogliamo mantenere la Fiera sugli standard di quest’anno è perciò importante intervenire su una struttura ormai inadeguata».

Commenti